Società


149

L'antropologo Ralph Linton ha definito la società come " ogni gruppo di gente che ha vissuto e lavorato insieme tutto il tempo sufficiente per organizzarsi e considerarsi come una unità sociale, con limiti ben definiti rispetto agli altri gruppi ". Questa definizione abbraccia i gruppi primari uniti; da vincoli di affetto, fino alle società nazionali che servono di base allo Stato.

Al di là di tutte le differenze, possiamo affermare che qualsiasi società è un sistema di inter-azione in cui tutti dipendono da tutti. Ogni individuo ha ricevuto una posizione determinata chiamata status (padre o figlio, impresario o operaio, ecc.), a cui corrispondono determinate aspettative di comportamento conosciute come ruoli (obbedienza da parte dei figli, spirito imprenditore negli impresari, ecc.).

Tutte le società dispongono di mezzi di controllo sociale per mettere in sintonia col loro ruolo i membri che sgarrano. Il mezzo di controllo più antico è la violenza fisica. Di fatto, nelle società governate democraticamente, questa è l'ultimo mezzo. Altri mezzi di controllo sociale sono la pressione economica, la necessità psicologica di essere accettati, la morale, le usanze, ecc.

Se esistessero soltanto mezzi di controllo sociale esterni all'individuo, come quelli che abbiamo appena ricordato, la società sarebbe una prigione gigantesca in cui tutti saremmo costretti a fare quello che non vogliamo. Tuttavia, l'esperienza dice che il giogo della società risulta gradito alla maggioranza degli uomini, perché quasi sempre desiderano quello che la società si attende da loro. La società, infatti, prima di modellare il comportamento degli individui, ha provveduto a modellare il loro pensiero.

Si chiama socializzazione il processo col quale un fanciullo impara ad essere un membro bene integrato della società. La maggiore efficacia della socializzazione è ottenuta quando la cultura propria di una determinata società appare ai suoi membri del tutto " naturale ", cioè, normale, inevitabile e inerente a tutta l'umanità. Gehlen ritiene che la cultura interiorizzata di questa forma sia uno strumento regolatore che canalizza le azioni umane in forma molto simile alla maniera con cui gli istinti canalizzano il comportamento animale.

Vediamo, dunque, che non solo gli uomini creano la società e la conservano compiendo fedelmente i ruoli che sono stati loro assegnati, ma anche la società crea gli uomini. La società, oltre a determinare il nostro modo di pensare e di agire, ci conferisce la nostra identità. Per arrivare ad essere umani, è necessario che gli altri ci trattino come esseri umani: l'uomo che è rispettato riesce a rispettare se stesso; colui che è disprezzato finisce per disprezzare se stesso, ecc. Cooley esprimeva questa idea col famoso esempio del proprio io come un riflesso nello specchio degli altri. Peter Berger dice plasticamente che " la dignità umana è questione di autorizzazione sociale ". Un individuo isolato o è una finzione filosofica (il " buon selvaggio " di Rousseau), o è un tragico incidente (i fanciulli-lupi di Midnapore).

Bibl. - Ardigò A., Crisi di governabilità e mondi vitali, Ed. Cappelli, Bologna, 1980. Crespi F., Le vie della sociologia, Ed. Il Mulino, Bologna, 1985. Fichter J.H., Sociologia, struttura e funzioni sociali, Onarmo, Roma, 1969. Orlando V., " Società ", in: Dizionario di Scienze dell'educazione, Ed. Elle Di Ci, LAS, SEI, Torino-Roma, 1997, pp. 1031-1032. Rusconi G.H., La teoria analitica della soicietà, Ed. Il Mulino, Bologna, 1968. Tonnies F., Comunità e società, Ed. Comunità, Milano, 1963. Touraine A., La produzione della società, Ed. Il Mulino, Bologna, 1975.



Autore: L. González-Carvajal
Fonte: Dizionario sintetico di pastorale (Casiano Floristan - Juan Josè Tamayo)