Iafet


Figlio di Noè (Gen. 5, 32; ecc.), minore di Sem (Gen. 10, 21 TM) e maggiore di Cham (9, 24), sebbene figuri sempre terzo. Iafet rispetta il padre ubriaco e con Sem riceve la benedizione (Gen. 9, 27; v. Messia). Iafet è il capostipite degli Iapetici o Indoeuropei, di quei popoli della costa fenicia o del nord della Siria o a est della Mesopotamia che per fisionomia, lingua, usi e costumi non si possono ridurre al tipo semitico (Gen. 10, 2-5).

Figli di Iafet: Gomer (Gimirri dei testi cuneiformi, ***, Ez. 38, 6), Magog (mat Gag "il paese di Gog", Ez. 38, 1 s.), Madai (Medi, Mada, Is. 13, 17; Dan. 9, 1), Iawan (Ioni, Ez. 27, 13 iwn = ***, iauna persiano, Iamanu babilonese), Tubal (Ez. 27, 13 ecc., *** di Erodoto, Tabal assiro, popoli della sponda meridionale del Mar Nero), Mesec (Is. 56, 19; *** di Erodoto, acc. Musku, nord-ovest dell'Armenia verso la Colchide) e Tiras (Tw-rw-s' dei testi egiziani, ***; Etruschi).

Figli di Gomer Askenaz (Ier. 51, 27; As-guza dei testi assiri, ***, Sciti, confusi spesso coi Cimmeri), Rifath (I Par. 1, 6; ***, montagne del nord-Europa? Aripsas dei testi di Boghazkoy?) e Togarmah (Ez. 38, 3-6, acc. Tilgarimmu, popoli a nord della strada Karkemis-Harran),

Figli di Iaman: Elisah (Ez. 27, 7; Alasia di El-Amarna, ***, 'Isj di Ras-Shamra, Cipro) e Tarsis (Ez. 38, 13 ecc.; ***, Tar-si-si di Asarhaddon; la costa sud-occideutale della Spagna), Kittim (Ez. 27, 6 ecc.; Cipr, o Kti dei testi fenici, ***, nome esteso anche ai Macedoni e Romani) e Rodanim (Ez. 27, 15 gli abitanti di Rodi).
[F. V.]

BIBL. - D. POULET, Tous les hommes sont-ils fils de Noé? Ottawa 1941, p. 314 ss.; F. SPADAFORA, Ezechiele, 2a ed.. Torino 1951. pp. 209 ss.; E. DHORME, Les peuples issus de J. d'après le ch. X de la Genèse (Recueil Dhorme). Parigi 1951, pp. 167-87; ID., Les peuples de l'Asie Mineure et des marches mésopotamiennes, in Peuples et civilisations, 1 (1950) 336-59.


Autore: Sac. Francesco Vacchioni
Fonte: Dizionario Biblico diretto da Francesco Spadafora
Visite: 94