Scrutatio

Giovedi, 18 aprile 2024 - San Galdino ( Letture di oggi)

Domenica


font righe continue visite 360

Nonostante che l'unità fondamentale del tempo, il giorno, sia di origine solare, l'ordinamento primitivo del tempo procede dalla luna. Gli antichi osservarono che dal novilunio o luna piena fino al suo oscuramento o scomparsa, trascorrevano 28 o 29 giorni con quattro fasi. Ogni fase, di sette giorni o una settimana, è di origine antichissima, indoiraniana o sumero-babilonese. Probabilmente a Ur di Caldea, patria di Abramo, c'era una religione lunare. La settimana ebraica di sette giorni e il sabato come giorno di riposo e di culto, sono antichi. Per fondare su base teologica il sabato, che esisteva già, si afferma nel Genesi che Dio creò il mondo in sei giorni e che al settimo, si riposò. Il riposo sabatico fu stipulato affinché i lavoratori (e gli schiavi, se c'erano) avessero un giorno libero, di riposo e di liberazione. Il culto significava dedicare quel giorno a JHWH. D'altra parte, nell'antichità greca e romana, si conoscevano i nomi di sette pianeti o satelliti della terra, ritenuta il centro dell'universo. Questi sette nomi erano nomi di dèi e vennero applicati ai giorni della settimana a cominciare dal secolo III a.C. Saturno, giorno di riposo, fu chiamato sàbat dai rabbini ebrei.

La settimana cristiana è sorta dalla settimana ebraica e da quella pagana. Comincia con la domenica, chiamata dal Concilio Vaticano II " la festa primordiale " dei cristiani (SC 106). Si fonda sulla " tradizione apostolica, che ha origine dallo stesso giorno della Risurrezione del Signore " (SC 106). I vangeli chiamano la domenica " il primo giorno della settimana, secondo il calcolo ebraico. La parola domenica deriva dal latino " dies dominica " (giorno del Signore. Dominus = Signore). Nelle lingue slave e anglosassoni, si chiama: " giorno del sole " (Sunday, in inglese; Sonntag, in tedeschi. È, dunque, il giorno della risurrezione di Cristo.

Fin dal principio, fu anche il giorno di raduno della comunità cristiana per celebrare il Signore mediante la Cena fraterna, l'eucaristia, la riconciliazione e la condivisione dei beni. Un gruppo sociale prende consapevolezza di sé e perdura se si riunisce periodicamente. Così fecero i cristiani la domenica. L'Eucaristia è dunque l'obiettivo centrale della domenica, anche se non è l'unico. Oltre ad essere giorno di assemblea o comunitario, la domenica è giorno di riposo. Ricordiamo che il sabato ebraico era giorno di riposo. Gesù guarisce di sabato, ma dice che quel giorno è giorno di riposo, non di lavoro; è giorno di liberazione e di guarigione, non di schiavitù. Nel proclamare di sabato, nella sinagoga di Nazaret, un programma di liberazione, Gesù compie un gesto di dimensione profetica.

Oggi, la domenica è giorno di riposo, giorno della famiglia, di festeggiamenti, di trattenimenti e di svaghi. Il suo carattere religioso, con la secolarizzazione della società, scompare a poco a poco. Per certi cristiani, la domenica è il giorno dell'adempimento di un rito religioso (andare a messa), con la difficoltà di praticarlo nel luogo solito per gli spostamenti di fine settimana. Non dimentichiamo che ciò che importa di più non è tanto la domenica, quanto la comunità che si riunisce quel giorno. Ora, il tempo della domenica si è esteso di fatto al fine settimana.

Non è facile far ricuperare ai cristiani d'oggi il senso della domenica. È possibile soltanto con una vita di comunità, riscoprendo la gioia di celebrare coi fratelli l'Eucaristia e la festa.

Bibl. - Aa.Vv., Domenica, il signore dei giorni, CAL, Roma, 1980. Brandolini L., " Domenica ", in: Nuovo Dizionario di Liturgia, Ed. Paoline, Roma, 1984, pp. 378-395. CEI, Eucaristia, comunione e comunità. Documento pastorale, Roma, 22.5.1983. Idem, Il giorno del Signore. Nota pastorale, Roma, 11.5.1984. Magrassi M., Vivere la Liturgia, Ed. La Scala, Noci, 1978, pp. 435-462. Sodi M., " Domenica ", in: Dizionario di Pastorale giovanile, Ed. Elle di Ci, Leumann (Torino), 1989, pp. 238-241.



Autore: C. Floristán
Fonte: Dizionario sintetico di pastorale (Casiano Floristan - Juan Josè Tamayo)