Forza


Tutta la Bibbia parla di forza e ne sogna, ma nello stesso tempo annunzia la caduta finale dei violenti e la elevazione dei piccoli. Questo paradosso si sviluppa fino alla predicazione della croce, in Cui ciò che pare «debolezza di Dio» è proclamato più forte dell‘uomo (l Cor l,25). Così il gigante Golia, «uomo di guerra fin dalla giovinezza», che si leva con la sua spada, la sua laccia ed il suo giavellotto, è vinto da David, giovanetto biondo, munito d‘una fionda e dì cinque pietre, ma che avanza nel nome di Jahve (l Sam 17,45). E Paolo Caratterizza il metodo divino: «Ciò Che è debole nel mondo, Dio lo ha scelto per confondere i forti» (1 Cor l, 27). Questa non è apologia della debolezza, ma glorificazione della «forza di Dio per la salvezza del credente» (Rom 1, 16). Con queste parole Paolo non vuole, come farà più tardi l‘Islam, esaltare una potenza divina sopra il nulla dei mortali; egli oppone la forza, che l‘uomo trova in Dio, alla impotenza in cui rimane senza Dio; Con Dio, uno solo combatterà vittoriosamente Contro mille (Gios 23, 10; Lev 26, 8); senza Dio, si sarà ridotti a fuggire al rumore di una foglia morta (Lev 26, 36). «Con Dio faremo prodezze» Canta il salmista (Sal 60, 14). «Tutto posso in Colui che mi rende forte», esclama Paolo (Fil 4, 13).

I. LA FORZA DEGLI ELETTI DI DIO

1. La forza che incute rispetto. - L‘israelita sogna la forza, perché sogna di imporsi in modo duraturo al mondo che lo circonda: «Divieni forte in Efrata, si augura a Booz; fatti un nome in Betlemme» (Rut 4, 11). La forza, che permette di imporsi, è anzitutto la forza delle braccia (Sal 76,6) e delle reni (Sal 93, 1), quella delle ginocchia Che non piegano, del cuore che tien duro nella lotta (Sal 57,8); è pure la forza rappresentata dalla potenza vitale di un essere, dalla sua salute e dalla sua fecondità (Gen 49, 3); oppure ancora la sua potenza economica, quella che Israele esaurisce pagando tributo o comperandosi alleati (Os 7, 9; Is 30, 6). Infine, se la forza Che i malvagi traggono dalle loro ricchezze è scandalosa (Giob; Sal 49, 73), la virtù invece, ad es. quella della «donna forte» (Prov 31,10-31), è degna di lode. Poiché si tratta di imporsi all‘esterno, essere forte significa di fatto «essere più forte di». Il forte oppone al nemico la resistenza della pietra, del diamante (Ez 3, 9), del bronzo (Giob 6, 12), la resistenza della roccia che l‘assalto furioso dei mari non riesce a scuotere (Sal 46, 3 s), la resistenza della cittadella imprendibile (Is 26, 5), del rifugio appollaiato su monti inaccessibili (Ab 3). Il forte sta in piedi, mentre il debole barcolla e cade, steso come morto: «Jahve è la mia pietra, il mio bastione... La mia cittadella, il mio rifugio... Un Dio Che mi Cinge di forza... e uni tiene in piedi sui monti» (Sal 18; 62, 3). Questa forza nel far fronte non potrebbe restare puramente difensiva. Nella lotta per la vita si è vincitori o vinti; non c‘è soluzione intermedia. L‘unto di Jahve, Che la forza divina fa stare ritto dinanzi al mondo Coalizzato, finirà per veder rotolare sotto i suoi piedi tutti i nemici (Sal 18,48), senza che nessuno di essi gli possa sfuggire (Sal 21, 9). A giudicare dall‘insistenza dei salmi regali, si impone la verità: non C‘è pace senza una vittoria totale e definitiva. 2. La forza al servizio di Dio. - Se Israele sogna in tal modo di essere forte, lo fa in vista di realizzare il piano di Dio. Diversamente, avrebbe potuto Giosuè Conquistare la terra di Canaan (Gios 1, 6), ed il popolo eletto aver accesso alla salvezza (Is 35, 3 s)? Non occorre minor forza, né minor violenza per entrare nel regno di Dio (Le 16, 16). «Animati da una potente energia mediante il vigore della sua gloria, acquisterete una perfetta Costanza e perseveranza» (Col 1, 11). La forza necessaria al cristiano appare anch‘essa come un potenziale di vita ed un vittorioso far fronte. Partecipazione alla forza stessa di Cristo risorto, che siede alla destra del Padre (Ef 1, 19 s), essa ne fa un vincitore del mondo (1 Gv 5, 5), facendolo trionfare su ogni potenza del male (Mc 15,17 s), anzitutto in se stesso (1 Gv 2, 14; 5, 18; sulla qual cosa il VT non insisteva molto) e poi attomo a sé. Lo spirito del Signore è potenza di risurrezione anche per noi (Fil 3, 10 s), fortifica in noi l‘uomo interiore (Ef 3, 16), fino a permetterci di entrare con la nostra pienezza nella pienezza stessa di Dio (3, 19).

II. LA FORZA NELLA DEBOLEZZA

L‘uomo non possiede in se stesso la forza che gli dia la salvezza: «Il re non è salvato da una grande forza... Fallace è il corsiero a salvezza» (Sal 33, 16 s). Questa confessione d‘impotenza è Certamente un luogo comune di ogni preghiera. Disarmati dinanzi ad un mondo più forte di essi, i mortali cercano di mettere dalla loro parte la potenza degli dèi. Ma la Bibbia si guarda bene dal fornire così all‘uomo ricette efficaci per compensare la sua impotenza naturale. È Dio ad impegnarci al suo servizio; se rende l‘uomo forte, lo fa perché egli compia la sua volontà e realizzi il suo disegno (Sal 41, 10; 2 Cor 13,8). Ora, sia Che si tratti della forza oppure degli altri doni di Jahve, Israele finisce per dimenticare l‘origine, per appropriarseli e rendersi indipendente da colui dal quale ha ricevuto tutto: «Guardati dal dire: è stata la mia forza, il vigore del mio braccio, a procurarmi questo potere» (Deut 8, 17). Mantenere l‘equivoco significherebbe aprire la via al rinnegamento. Jahve quindi, per far ben comprendere che non si è forti se non per mezzo suo ed in lui, si sceglie uomini di apparenza modesta, ma il cui cuore è sicuro (1 Sam 16,7), a preferenza di persone che, come Saul, sorpassano gli altri di tutta la testa (1 Sam 10, 23). Egli vuole agire con mezzi umani sempre più umili: «il popolo, che è con te, è troppo numeroso perché io dia Madian nelle loro mani. Israele potrebbe trame gloria a mie spese, e dire: è stata la mia propria mano a liberartisi» (Giud 7, 2; Is 30, 15 ss). Il Signore rivela così a Paolo: «La mia grazia ti basta: poiché la mia forza si mostra appieno nella debolezza» (2 Cot 12, 9). Di fatto la sua gloria non potrebbe manifestarsi diversamente. Quando l‘uomo non può più nulla, Dio interviene (Is 41, 12 ss), in modo tale che sia ben Chiaro Che egli solo ha agito. Non tiene alcun conto dell‘ordine di grandezza delle realtà naturali: riversando il suo disprezzo sui principi (Sal 107, 40), fa quindi sedere al suo fianco il povero che ha sollevato dalla polvere (Sal 113, 7). Trova la sua gloria nell‘esaltazione del suo servo, che, rigettato dalla società, rifiuta di difendersi Con le proprie forze, ed aspetta la salvezza soltanto da Dio; la manifesta pienamente nella risurrezione di Gesù crocifisso, mistero la cui predicazione costituisce il messaggio stesso della potenza di Dio :(1 Cor 1, 18). L‘umiltà cristiana è quella di Maria nel Magnificat. Essa non si riduce al sentimento della debolezza di creatura o di peccatore, ma è nello stesso tempo presa di coscienza di una forza che procede interamente da Dio: «Portiamo questo tesoro in vasi di argilla, affinché si veda bene che questa straordinaria potenza appartiene a Dio e non viene da noi» (2 COr 4,7).


Autore: E. Beaucamp
Fonte: Dizionario teologico biblico
Visite: 226