Eucaristia




I. SENSO DELLA PAROLA

1. Ringraziamento e benedizione. - Per sé «eucaristia» significa: riconoscenza, gratitudine, donde ringraziamento. Questo senso, il più ordinario nel greco profano, si incontra parimenti nella Bibbia greca, specialmente nelle relazioni umane (Sap 18, 2; 2 Mac 2, 27; 12, 31; Atti 24, 3; Rom 16, 4). Nei confronti di Dio il ringraziamento (2 Mac 1, 11; 1 Tess 3, 9; 1 Cor 1, 14; Col 1, 12) assume ordinariamente la forma di una preghiera (Sap 16, 28; 1 Tess 5, 17 s; 2 Cor 1, 11; Col 3, 17; ecc.), come all‘inizio delle lettere paoline (ad es. 1 Tess 1, 2). Si collega allora naturalmente alla benedizione che Celebra le «meraviglie» di Dio, perché queste meraviglie si esprimono per l‘uomo in benefizi che danno alla lode il colorito della riconoscenza; in queste Condizioni il ringraziamento è accompagnato da una «anamnesi», mediante la quale la memoria evoca il passato (Giudet 8,25s; Apoc 11, 17 s), e l’eucharistè in equivale ad euloghèin (1 Cor 14, 16 ss). Questa eulogiaeucaristia si incontra particolarmente nei pasti giudaici, le cui benedizioni lodano e ringraziano Dio per gli alimenti che ha dato agli uomini. Paolo parla in questo senso di mangiare con «eucaristia» (Rom 14, 6; 1 Cor 10, 30; 1 Tim 4, 3 s).

2. L‘uso di Gesù e l’uso cristiano. - Nella prima moltiplicazione dei pani Gesù pronuncia una «benedizione» secondo i sinottici (Mi 14, 19 par.), un «ringraziamento» secondo Gv 6,11. 23; nella seconda molti plicazione Mt 15, 36 menziona un «ringraziamento», mentre Mc 8, 6 s parla di «ringraziamento» sul pane e di «benedizione» sui pesci. Questa equivalenza pratica dissuade dal distinguere nell‘ultima cena la «benedizione» sul pane (Mt 26, 26 par.; cfr. Lc 24, 30) ed il «ringraziamento» sul calice (Mt 26, 27 par.). Viceversa Paolo parla di «ringraziamento» sul pane (1 Cor 11, 24) e di «benedizione» sul calice (1 Cor 10,16). Di fatto nell‘uso cristiano è prevalso il termine «eucaristia» per designare l‘azione istituita da Gesù alla vigilia della sua morte. Ma si terrà presente che questo termine esprime tanto una lode delle meraviglie di Dio, quanto e più Che un ringraziamento per il bene che ne traggono gli uomini. Mediante quest‘atto decisivo, in cui ha affidato ad alimenti il valore eterno della sua morte redentrice, Gesù ha consumato e fissato per i secoli questo omaggio di se stesso e di tutte le cose a Dio, che è l‘elemento proprio della «religione» e che è l‘elemento essenziale della sua opera di salvezza: nella sua persona offerta sulla croce, e nella eucaristia, tutta l‘umanità, e l‘universo che ne è la cornice, fanno ritorno al Padre. Questa ricchezza dell‘eucaristia, che la pone al centro del culto Cristiano, noi la troviamo in testi densi, Che bisogna analizzare a fondo.

II. ISTITUZIONE E CELEBRAZIONE PRIMITIVA

1. I racconti. - Quattro testi del NT riferiscono l‘istituzione eucaristica: Mt 26,26-29; Mc 14, 22-25; LC 22, 15-20; 1 Cor 11, 23 ss. Ciò Che Paolo «trasmette» in tal modo, dopo averlo «ricevuto», sembra molto una tradizione liturgica; altrettanto si deve dire dei testi sinottici, la Cui concisione lapidaria fa spicco sul Contesto: riflessi preziosi del modo in Cui le prime Chiese celebravano le loro divergenze si spiegano con questa origine. La redazione molto aramaicizzante di Marco può riprodurre la tradizione palestinese, mentre quella di Paolo, un po più grecizzata, rifletterebbe quella delle Chiese di Antiochia o dell‘Asia Minore. Matteo rappresenta indubbiamente la stessa tradizione di Marco, Con talune varianti o addizioni che possono avere ancora origine liturgica. Quanto a Luca, egli pone problemi delicati e risolti in modo diverso: i suoi v. 15-18 possono rappresentare una tradizione arcaica, molto diversa dalle altre, oppure, più probabilmente, una amplificazione che Luca stesso ha tratto da MC 14, 25; quanto ai v. 19-20, Che bisogna tenere come autentici contro i testimoni che omettono 19 b-20, vi si vede ora una combinazione di Mc e di 1 Cor, fatta da Luca stesso, ora un‘altra forma della tradizione delle Chiese ellenistiche, che costituirebbe quindi un terzo testimone liturgico, oltre a Marco/Matteo e 1 Cor. D‘altronde le varianti tra questi diversi testi hanno minore importanza, a parte il comando della reiterazione, omesso da Mc/Mt, ma che l‘attestazione di 1 Cor/Lc e la verosimiglianza interna inducono a ritenere come primitivo.

2. La cornice storica. - Un altro problema, da cui dipende l‘interpretazione di questi testi, è la loro cornice storica. Per i sinottici fu certamente una cena pasquale (Mc 14,12-16 par.); ma secondo Gv 18, 28; 19, 14. 31, la Pasqua non fu Celebrata Che il giorno dopo, alla sera del venerdì. Tutto è stato tentato per spiegare questo disaccordo, sia dando torto a Giovanni, Che avrebbe ritardato di un giorno per ottenere il simbolismo di Gesù che muore nel momento della immolazione dell‘agnello pasquale (Gv 19, 14. 36), sia pretendendo Che in quell‘anno la Pasqua sia stata celebrata il giovedì ed il venerdì da gruppi diversi di Giudei, sia infine supponendo che Gesù abbia Celebrato la Pasqua il martedì sera secondo il calendario degli Esseni. La Cosa migliore è indubbiamente ammettere che Gesù, sapendo Che sarebbe morto al momento stesso della Pasqua, abbia anticipato di un giorno, evocando nella sua ultima Cena il rito pasquale in modo sufficiente per potervi innestare il suo rito nuovo, che sarà il rito pasquale del NT: questa soluzione rispetta la cronologia di Gv e spiega in modo sufficiente la presentazione dei sinottici.

3. Pasto religioso e pasto del Signore. - Di fatto una prospettiva pasquale sembra soggiacente ai testi della istituzione, molto più Che non la prospettiva di qualche solenne pasto giudaico, nonché di un pasto essenico, con cui si è voluto spiegarli. La successione immediata pane/vino, sia nell‘ultima cena che nei pasti di Qumràn, è un contatto superficiale è senza valore, perché può risultare nei testi evangelici da un Compendio liturgico, in cui non saranno stati Conservati che i due elementi importanti dell‘ultima Cena di Gesù, il pane all‘inizio ed il terzo Calice alla fine, mentre tutto l‘intervallo veniva soppresso; si ha d‘altronde un indizio rivelatore di questo intervallo nelle parole «dopo la cena» che, in 1 Cor 11, 25, precedono il calice. Inoltre, ai pasti essenici di Qumràn manca la teologia pasquale che le parole di Gesù evocano e che è gratuito Considerare Come un elemento posteriore, dovuto all‘influsso di Paolo o delle Chiese ellenistiche. Il Cerimoniale ben regolato del pasto essenico, analogo a quello di vari pasti di confraternite giudaiche di quest‘epoca, può al massimo evocare quel Che furono i pasti ordinari di Gesù e dei suoi discepoli, e quel che furono in seguito i pasti di questi dopo la risurrezione, quando si riunirono nuovamente, Come un tempo attorno al maestro, Certi d‘altronde di averlo sempre in mezzo a loro a titolo di Kyrios risorto per sempre vivente. Di fatto non bisognerebbe ritrovare sempre l‘eucarístia in questi pasti quotidiani, che i primi fratelli di Gerusalemme prendevano con esultanza spezzando il pane nelle loro case (Atti 2, 42. 46). Questa «frazione del pane» può anche essere soltanto un pasto ordinario, indubbiamente religioso Come ogni pasto semitico, accentrato qui sul ricordo e sull‘attesa del maestro risorto, ed al quale s ?aggiungeva l‘eucaristia propriamente detta, quando si rinnovavano le parole e gli atti del Signore per comunicare Con la sua presenza misteriosa mediante il pane ed il vino, trasformando così un pasto ordinario in «cena del Signore» (1 Cor 11, 20-34). Liberata dal rito giudaico, questa eucaristia divenne certamente più Che annuale, forse settimanale (Atti 20, 7. 11); ma noi non lo sappiamo bene, Come non possiamo decidere in più testi se si tratta di una «frazione del parie» ordinaria, oppure dell‘eucaristia propriamente detta (Atti 27, 35; e già Lc 24, 30.35).

III. L‘EUCARISTIA, SACRAMENTO DI UN NUTRIMENTO

1. Il pasto, segno religioso. - Istituita nel corso di un pasto, l‘eucaristia è un rito di nutrimento. Da tutta l‘antichità, specialmente nel mondo semitico, l‘uomo ha riconosciuto nel nutrimento un valore sacro, che è dovuto alla munificenza della divinità e procura la vita. Pane, acqua, vino, frutta, ecc., sono beni per Cui si benedice Dio. Il pasto stesso ha valore religioso, perché il mangiare in Comune stabilisce tra i Commensali, e tra essi e Dio, legami sacri.

2. Dalle figure alla realtà. - Nella rivelazione biblica nutrimento e pasto servono quindi ad esprimere la comunicazione di vita che Dio fa al suo popolo. La manna e le quaglie dell‘esodo, al pari dell‘acqua sgorgata dalla roccia di Horeb (Sal 78, 20-29), sono altrettante realtà simboliche (1 Cor 10, 3 s), che prefigurano il dono vero che esce dalla bocca di Dio (Deut 8,3; Mt 4, 4), la parola, vero pane disceso dal Cielo (Es 16, 4). Ora queste figure si compiono in Gesù. Egli è «il pane di vita», anzitutto con la sua parola che apre la vita eterna a Coloro che credono (Gv 6, 26-51 a), poi Con la sua carne e Con il suo sangue dati da mangiare e da bere (Gv 6,51 b-58). Queste parole che annunziano l‘eucaristia, Gesù le dice do aver nutrito miracolosamente la folla nel deserto (Gv 6,1-15). Il dono, che egli promette e che oppone alla manna (Gv 6,31 s. 49 s), si ricollega Così alle meraviglie dell‘esodo e nello stesso tempo è posto nell‘orizzonte del banchetto messianico, immagine della felicità celeste, familiare al giudaismo (Is 25, 6; scritti rabbinici) ed al NT (Mt 8, 11; 22, 2-14; LC 14, 15; Apoc 3, ?20; 19, 9).

3. Il pasto del Signore, memoriale e promessa. - L‘ultima cena è Come l‘ultima preparazione di quel banchetto messianico dove Gesù ritroverà i suoi dopo la prova imminente. La «Pasqua Compiuta» (Lc 22,15 s) ed il «vino nuovo» (Mc 14, 25 par.), che egli gusterà con essi nel regno di Dio, li prepara in quest‘ultimo pasto, facendo sl che pane e vino significhino la realtà nuova del suo Corpo e del suo sangue. Il rito della cena pasquale gliene offre l‘occasione appropriata e ricercata. Le parole Che il padre di famiglia vi pronunziava sui diversi alimenti, ed in modo particolarissimo sul pane e sul terzo calice, Conferivano loro una tale forza di evocazione del passato e di speranza del futuro, che, ricevendoli, i commensali rivivevano realmente le prove dell‘esodo e vivevano in anticipo le promesse messianiche. Gesù si serve a sua volta di questo potere creativo Che lo spirito semitico riconosceva alla parola, e lo accresce ancora Con la sua sovrana autorità. Dando al pane e al vino il loro senso nuovo, egli non li spiega, ma li trasforma. Non interpreta, ma decide e decreta: questo è il mio corpo, cioè lo sarà d‘ora innanzi. La copula «essere» - che indubbiamente mancava nell‘originale aramaico - da sola non basterebbe a giustificare questo realismo, perché potrebbe anche esprimere soltanto un significato metaforico: «la messe è la fine del mondo; i mietitori sono gli angeli» (Mt 13, 39). È la situazione ad esigere qui un senso stretto. Gesù non propone una parabola, in Cui oggetti concreti aiuterebbero a far comprendere una realtà astratta; presiede un pasto, in cui le benedizioni rituali conferiscono agli alimenti un valore di altro ordine. E, nel caso di Gesù, questo valore è di un‘ampiezza e di un realismo inauditi, Che gli vengono dalla realtà implicata: la morte redentrice Che, attraverso ad una risurrezione, sfocia nella vita escatologica.

IV. L‘EUCARISTIA, SACRAMENTO DI UN SACRIFICIO

1. L’annunzio della morte redentrice. - Morte redentrice, perché il corpo sarà «dato per voi» (Lc; 1 Cor ha soltanto «per voi», con varianti poco attestate); il sangue sarà «sparso per voi» (LC) o «per una moltitudine» (Mc/Mt). Il fatto stesso che pane e vino sono separati sulla mensa evoca la separazione violenta del Corpo e del sangue; Gesù annuncia chiaramente la sua morte imminente e la presenta Come un sacrificio, paragonabile a quello delle vittime il Cui sangue sigillò sul Sinai la prima alleanza (Es 24, 5-8), nonché dell‘agnello pasquale nella misura in Cui il giudaismo del tempo lo considerava pure come un sacrificio (cfr. 1 Cor 5, 7). Ma parlando di sangue «sparso per molti» in vista di una «nuova alleanza», Gesù deve pure pensare al servo di Jahve, la cui vita è stata «versata», Che ha portato i peccati di «molti» (Is 53, 12), e Che Dio ha designato come «alleanza del popolo e luce delle nazioni» (Is 42, 6; cfr. 49, 8). Già prima, egli si era attribuita la funzione del servo (LC 4,17-21) ed aveva rivendicato la missione di dare, al pari di quello, la propria vita «in riscatto per molti» (Mc 10, 45 par.; cfr. Is 53). Qui egli lascia Capire che la sua morte imminente sostituirà i sacrifici dell‘antica alleanza e libererà gli uomini, non più da una Cattività (cfr. prigionia) temporale, ma da quella del peccato, così come Dio aveva richiesto dal servo. Egli instaurerà la «nuova alleanza» annunziata da Geremia (31, 31-34).

2. La comunione col sacrificio. - Ora ciò che ha maggior Carattere di novità è il fatto Che egli rinchiude la ricchezza di questo sacrificio in alimenti. Era usanza in Israele, come in tutti i popoli antichi, di percepire i frutti di un sacrificio consumando la vittima; significava unirsi all‘offerta ed a Dio che l‘accettava (1 Cor 10, 18-21). Mangiando il corpo immolato di Gesù e bevendone il sangue, i suoi fedeli avranno parte al suo sacrificio, facendo propria la sua offerta di amore e beneficiando del ritorno in grazia che essa produce. Affinché possano farlo dovunque e sempre, Gesù sceglie alimenti comunissimi, per fare di essi la sua carne ed il suo sangue in stato di vittima, ed ordina ai suoi discepoli di ripetere dopo di lui le parole che, per la sua autorità, opereranno questo cambiamento. Dà loro in tal modo una partecipazione delegata al suo sacerdozio. Ormai, ogniqualvolta ripetono quell‘atto, oppure vi si associano, i cristiani «annunciano la morte del Signore, fino a che egli venga» (1 Cor 11,26), perché la presenza sacramentale, che essi realizzano, è quella di Cristo nel suo stato di sacrificio. Essi lo fanno «in sua memoria» (l Cor 11, 25; LC 22,19), Cioè rammentano per mezzo della fede il suo atto redentore, o, forse meglio, lo ricordano a Dio (cfr. Lev 24, 7; Num. 10, 9 s; Eccli 50, 16; Atti 10, 4. 31) come una offerta incessantemente rinnovata che chiama la sua grazia. «Anamnesi» che implica il ricordo ammirativo e grato delle meraviglie di Dio, la maggiore delle quali è il sacrificio del Figlio suo, offerto per ridare la salvezza agli uomini. Meraviglia di amore, alla quale questi partecipano unendosi mediante la comunione al corpo del Signore, ed in lui a tutte le sue membra (1 Cor 10, 14-22). Sacramento del sacrificio di Cristo, l‘eucaristia è il sacramento della Carità, dell‘unione nel corpo di Cristo.

V. L‘EUCARISTIA, SACRAMENTO ESCATOLOGICO

1. Permanenza del sacrificio di Cristo nel mondo nuovo. - Ciò che conferisce tutto il suo realismo al simbolismo di questi atti e di queste parole è la realtà del mondo nuovo in cui introducono. La morte di Cristo sfocia nella vera vita, Che non finisce (Rom 6, 9 s); è l‘era escatologica, dei «beni futuri», nei confronti della quale l‘era presente non è che un‘«ombra» (Ebr 10, 1; cfr. 8,5; Col 2, 17). Il suo sacrificio è avvenuto «una volta per sempre» (Ebr 7, 27; 9, 12- 26 ss; 10, 10; 1 Piet 3, 18); il suo sangue ha sostituito definitivamente il sangue inefficace delle vittime dell‘antica alleanza (Ebr 9, 12 ss. 1826; 10, 1-10); la nuova alleanza, di cui egli è il mediatore (Ebr 12, 24; cfr. 13, 20) ha soppresso l‘antica (Ebr 8, 13) e procura la eredità eterna (Ebr 9, 15); ormai il nostro sommo sacerdote siede alla destra di Dio (Ebr 8,1; 10, 12), «avendoci acquistato una redenzione eterna» (Ebr 9, 12; cfr. 5, 9), «sempre vivo per intercedere in nostro favore» (Ebr 7,25; cfr. 9,24) mediante il suo «sacerdozio immutabile» (Ebr 7, 24). Passato, quanto alla sua realizzazione contingente nel tempo del nostro mondo caduco, il suo sacrificio è sempre presente nel mondo nuovo in Cui egli è entrato, mediante l‘offerta di se stesso Che non cessa di fare ai Padre suo.

2. Mediante l’eucaristia il cristiano partecipa realmente a questo mondo nuovo. - Ora l‘eucaristia mette il Credente in Contatto con questo sommo sacerdote sempre vivo nel suo stato di vittima. Il passaggio che vi si opera dal pane al corpo e dal vino al sangue, riproduce nel suo modo sacramentale il passaggio dal mondo antico al mondo nuovo, Che Cristo ha valicato andando con la morte verso la vita. Il rito pasquale, come l‘esodo che commemorava, era già esso stesso un rito di passaggio: dalla schiavitù di Egitto alla libertà della terra promessa, e poi, sempre più, dalla schiavitù della sofferenza, del peccato, della morte, alla libertà della felicità, della giustizia, della vita. Ma i beni messianici vi rimanevano oggetto di speranza, e gli alimenti che si benedicevano non potevano farli gustare Che in modo simbolico. Nella Pasqua di Cristo questo è mutato, perché l‘era messianica è effettivamente giunta mediante la sua risurrezione, ed in lui i beni promessi sono acquisiti. Le parole e gli atti, Che un tempo potevano soltanto simboleggiare i beni futuri, ormai possono realizzare i beni attuali. Il Corpo ed il sangue eucaristici non sono quindi soltanto il memoriale simbolico di un fatto compiuto; sono tutta la realtà del mondo escatologico in cui vive Cristo. Come tutto l‘ordine sacramentale di cui essa è il centro, l‘eucaristia procura al credente, ancora immerso nel mondo antico, il Contatto fisico con Cristo in tutta la realtà del suo essere nuovo, risorto, «spirituale» (cfr. Gv 6, 63). Gli alimenti che essa assume cambiano esistenza e diventano il vero «pane degli angeli» (Sal 78, 25; cfr. Sap 16, 20), il nutrimento della nuova era. In virtù della loro presenza sull‘altare, Cristo morto e risorto è realmente presente nella sua disposízione eterna di sacrificio. Perciò la messa e un sacrificio, identico al sacrificio storico della croce in virtù di tutta l‘offerta amorosa di Cristo che lo costituisce, distinto soltanto dalle Circostanze accidentali di tempo e di luogo in cui si riproduce. Con essa la Chiesa unisce in ogni luogo, e fino alla fine del mondo, le lodi e le offerte degli uomini al sacrificio perfetto di lode e di offerta, in una parola, di «eucaristia», che solo ha valore dinanzi a Dio e che solo conferisce loro valore (cfr. Ebr 3, 10. 15).


Autore: P. Benoit
Fonte: Dizionario di Teologia Biblica
Visite: 129